L’ambiente

Il Sacro Monte di Crea si erge su uno dei punti più elevati delle colline del Basso Monferrato. Costituito da rocce sedimentarie di età oligomiocenica (marne ed arenaria) il colle è interessato da un’elevata franosità, presente, soprattutto, in corrispondenza dei tracciati viari. Il versante nord, ripido e ombroso, è prevalentemente occupato da olmo campestre, ciliegio, carpino bianco, farnia, castagno, acero riccio e acero di monte. Il versante sud, più temperato e meno inclinato, è costituito da un fitto ceduo di roverella e orniello.

Talora si trovano limitati gruppi di acero di monte, bagolaro, frassino e rovere. Notevole sviluppo su entrambi i versanti ha avuto la robinia, che, a tratti, si sostituisce totalmente al bosco planiziario. Il sottobosco è composto da corniolo, fusaria, vescicaria, ginestra, viburno lantana. Significative sono anche le fioriture di giglio rosso, di anemoni, di manina rosea e di orchidee. L’interesse botanico di questi boschi è legato alla presenza di elementi floristici rari o al di fuori della normale area di distribuzione.

I mammiferi diffusi nel Parco sono: tasso, volpe, scoiattolo, moscardino, ghiro. Più nutrita e varia la schiera dei volatili: poiana, gheppio, gufo comune, civetta, barbagianni e allocco, tra i rapaci; merlo, cesena, fringuello, picchio verde, picchio muraiolo e cinciallegra, tra i passeriformi. Tra i rettili sono presenti vipera comune e biacco; tra gli anfibi la salamandra.

 

© Copyright Parco Crea 2011 - P.IVA: 00971620067. All rights reserved.